E-mail:
barattelliconcerti@barattelli.it
Telefono:
+39 0862 24262

PROGETTO SPERIMENTAZIONE CULTURA GIOVANI – BANDO SIAE

Il PROGETTO SPERIMENTAZIONE CULTURA GIOVANI, giunto alla TERZA edizione, è stato avviato nel 2017 dalla Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” con il sostegno del MiBACT e di SIAE, da questa edizione, nell’ambito dell’iniziativa “Per chi Crea”
L’obiettivo primario del Progetto è l’attivazione di percorsi formativo-creativi di residenza artistica presso la Società Aquilana dei Concerti rivolti a compositori e direttori d’orchestra under 35 e tesi alla realizzazione di forme di spettacolo innovative e di opere musicali originali.
Attraverso le Residenze Artistiche e la Formazione il Progetto intende “sostenere e valorizzare il talento culturale e creativo dei giovani artisti italiani e rafforzare e diversificare l’offerta di istruzione e formazione artistica presente nel Paese mediante il sostegno alla realizzazione di percorsi formativi e residenze artistiche destinati a giovani autori, artisti, interpreti ed esecutori di età non superiore ai 35 anni residenti nel territorio italiano, operanti in ambito artistico”.

I workshops sono realizzati in collaborazione con il Conservatorio di Musica “A. Casella” dell’Aquila.

EDIZIONE 2019

scarica il Bando 2019

La terza edizione del Progetto Sperimentazione Cultura Giovani è rivolta a tre compositori, un direttore d’orchestra che lavoreranno insieme a sette strumentisti e articolata in sei mesi di residenza artistica, durante i quali i residenti frequenteranno workshop di composizione sperimentale, workshop musicologici e laboratori. al fine di creare opere inedite che verranno presentate nelle iniziative conclusive.

La novità sul piano della formazione risiede nella possibilità dei Residenti, vincitori del Bando, di condividere l’esperienza con sette giovani strumentisti, che saranno di supporto ai Docenti durante i workshop, proponendo dal vivo gli esempi più disparati, e che si metteranno a disposizione, confrontandosi su questioni tecniche e interpretative, verificando la realizzabilità delle proprie idee musicali e apprendendo per esperienza diretta come risolvere eventuali problemi compositivi ed esecutivi.

Il contenuto musicale prende spunto dalla ricorrenza del duecentocinquantesimo anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven (1770-2020), un appuntamento di rilevanza planetaria che tutto il mondo si appresta a celebrare nel corso del 2020. I compositori residenti verranno chiamati a produrre, a seguito di un percorso creativo in cui verrà offerta loro l’opportunità di confrontarsi ed essere seguiti da illustri compositori e musicologi attivi nel panorama artistico internazionale, tre opere originali con l’obbligo, però, di utilizzare spunti tematici, citazioni o elaborazioni di cellule tematiche e ritmiche beethoveniane, più o meno riconoscibili. La storia della musica è costellata di meravigliosi esempi, in diverse epoche storiche, di capolavori che hanno preso spunto da musiche di autori del passato.

Durante il periodo di residenza artistica e tutto il processo creativo gli artisti residenti potranno avvalersi della guida e del sostegno di un tutor; avranno la preziosa opportunità di partecipare a workshop tenuti dai maestri di chiara fama, affrontando le innumerevoli problematiche del comporre ai nostri giorni e approfondendo e sviscerando le modalità di trasformazione di un tema musicale con analisi di partiture, spaziando da Brahms a Stravinskij, da Ravel a Mahler e così via. Dal punto di vista musicologico, quale supporto essenziale ad una conoscenza particolareggiata della figura di L. Van Beethoven, dei suoi rapporti con la musica popolare (e quindi la possibilità di creare musica senza partire necessariamente da temi originali), della sua evoluzione compositiva, del dramma della sordità e dei rapporti umani.

Al termine del progetto si dovrà realizzare uno spettacolo suddiviso in tre quadri: ciascun compositore elaborerà un quadro, della durata di venti minuti circa, con organico obbligato (settimino). L’esecuzione sarà ovviamente affidata agli strumentisti in residenza artistica, guidati dal direttore residente, ai quali si aggiungerà una voce recitante.

La voce recitante interpreterà un testo che approfondirà aspetti della personalità misteriosa e stravagante di Beethoven, tratteggiandone una visione aggiornata, che attinga agli studi critici e filologici e ai documenti, scoperti più recentemente, riguardanti il compositore di Bonn. Anche sul percorso creativo del testo è previsto un periodo di formazione in accordo con il Dipartimemto di Scienze Umane dell’Università degli Studi dell’Aquila. La versione definitiva del testo sarà affidata ai compositori per la realizzazione dello spettacolo finale.

 

 

 

EDIZIONE 2018

L’Ente Musicale Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” ha bandito nell’aprile 2018 un concorso di partecipazione al Progetto “SPERIMENTAZIONE CULTURA GIOVANI 2018”, per l’attuazione di un percorso di residenza artistica rivolto a tre compositori e un direttore d’orchestra under 35, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, che si prefigge la creazione di residenze artistiche per rafforzare e diversificare il sistema italiano della formazione artistica in ambito musicale, e con il sostegno del MiBAC e di SIAE. I musicisti che sono stati selezionati tramite bando, Attilio Foresta Martin (Roma, 1987), Lorenzo Pasqualucci (Albano Laziale, 1991), Dario Sciarra (Guardiagrele, 1990) e Fabio Conocchiella (Vibo Valentia, 1991), hanno avuto accesso ad un percorso in residenza artistica che si è svolto tra il giugno 2018 ed il febbraio 2019.

Durante i mesi di residenza gli artisti, affiancati e guidati dal compositore Stefano Baiocco in qualità di tutor, hanno seguito un percorso di formazione articolato in workshop e laboratori. Un seminario su “Il Tempo, il Ritmo… la Musica nelle attività motorie e sportive”, con un accento particolare sulla ginnastica ritmica e sulla coreografia ad essa applicata, si è svolto il 10 luglio presso il Polo Universitario di Coppito e ha visto l’intervento della campionessa olimpionica di ginnastica ritmica Elisa Blanchi e della Prof.ssa Maria Giulia Vinciguerra, Preside del Dipartimento di Scienze Motorie dell’Università degli Studi dell’Aquila.

Alle questioni estetiche e tecniche strettamente legate alla composizione delle musiche sono stati dedicati due workshop tenuti presso il Conservatorio dell’Aquila da altrettanti compositori di fama internazionale: il compositore e direttore d’orchestra Marcello Panni (20 e 21 luglio 2018) e il compositore Francesco Antonioni (13, 14 e 15 settembre 2018).

Nei giorni tra l’8 e il 12 ottobre gli artisti residenti hanno visto le loro idee musicali concretizzarsi e prendere forma. In quei giorni sono infatti stati realizzati dei laboratori empirici: i compositori hanno assistito il direttore e l’ensemble strumentale nel lavoro di montaggio delle musiche. Le prove di studio, analisi e concertazione, si sono svolte sull’esperienza e la pratica immediata, con la possibilità per gli autori di plasmare “in diretta” il materiale musicale. I giovani compositori residenti hanno così avuto modo di montare e smontare i brani, sperimentare, migliorare e risolvere problemi esecutivi, di musicalità, e di coerenza stilistica tra la musica e le indicazioni coreografiche.

A conclusione del lavoro di concertazione, le musiche sono state registrate e inviate alle squadre di ginnastica ritmica che hanno utilizzato le tracce audio per il lavoro di ideazione, costruzione e prova delle coreografie sulle musiche composte in residenza. Lo spettacolo finale ha visto il coinvolgimento di oltre 40 atlete appartenenti alle squadre delle Associazioni Sportive Dilettantistiche Armonia D’Abruzzo e Calypso di Chieti, La Sylphide di Teramo, C.A.M. Federlibertas, Polisportiva Torrione e Progetto Ritmica dell’Aquila.

Obiettivo del progetto è stato quello di realizzare un nuovo genere di spettacolo che unisce musica dal vivo e ginnastica ritmica. A tal fine, nel periodo di residenza i compositori hanno elaborato delle musiche originali per ensemble strumentale appositamente pensate per accompagnare l’esibizione di ginnaste durante lo spettacolo a conclusione del progetto, che si è tenuto a L’Aquila sabato 23 febbraio 2019, presso la Palestra della “Scuola Media Dante Alighieri”. Il programma includeva dunque i brani Cinque coreografie di Attilio Foresta Martin, 2 Suite per la ginnastica ritmica di Lorenzo Pasqualucci e Farfalle di Dario Sciarra. Le composizioni sono state eseguite sotto la guida del direttore residente, Fabio Conocchiella, da un ensemble composto interamente da strumentisti under 35: Tommaso Gaeta flauto, Simona Mancinelli oboe, Luca Giuliani clarinetto, Giulio Filippetti tromba, Emanuele Crucianelli violoncello, Massimiliano Favella contrabbasso, Francesco Sbraccia pianoforte e tastiere, Daniele Ciocca e Marco Crivelli percussioni. Allo spettacolo finale ha fatto séguito una tavola rotonda per analizzare e valutare il lavoro formativo e creativo svolto.

Scarica il Bando

I Workshop 2018

CALENDARIO EVENTI 2018

19 giugno Conferenza di presentazione Esiti Bando 2018

10 luglio Incontro Elisa Blanchi – Video

20 e 21 luglio Incontro con Marcello Panni

13, 14 e 15 settembre Incontro con Francesco Antonioni – Intervista a Francesco Antonioni pubblicata su Musica+ trimestrale del Conservatorio di Musica “A. Casella” dell’Aquila n. 53 lug-set 2018 pagg. 29 – 31

23 febbraio 2019 Spettacolo finaleLibretto di sala

GALLERIA FOTOGRAFICA EDIZIONE 2018

 

EDIZIONE 2017

Il Progetto SPERIMENTAZIONE CULTURA GIOVANI 2017, attuato a partire dall’aprile 2017 dall’Ente Musicale Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” nell’ambito del Bando SIAE Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura. Residenze Artistiche e Formazione – settore Musica, ha avviato un percorso di residenza artistica di sei mesi rivolto a tre compositori e due direttori d’orchestra under 35, iscritti o neolaureati presso i Conservatori e gli Istituti Musicali Pareggiati italiani.
L’obiettivo primario del Progetto è stato quello di accogliere in città giovani artisti, secondo uno stile già molto diffuso in altre città europee, e dare a dei compositori la rara e preziosa opportunità di comporre e presentare in pubblico la propria musica, a dei direttori quella di confrontarsi con la preparazione di un’opera originale e con un organico ed un genere che si affrontano raramente durante il percorso di studio.
Tra i molti che hanno risposto al bando di selezione, cinque giovani artisti residenti sono stati scelti da un’apposita commissione, composta dai Maestri Giorgio Battistelli, Fabrizio Pezzopane e Stefano Baiocco, in seguito all’esame e alla discussione di una propria partitura e del curriculum artistico: Carlo Ferdinando De Nardis, Paolo Fradiani, Francesco Sbraccia – compositori, Gabriele Centorbi e Giordano Ferranti – direttori.
Durante i sei mesi di residenza i musicisti vincitori del bando hanno partecipato a dei workshop tenuti da tre fra i più affermati compositori italiani: Ivan Fedele, Fabio Vacchi e Nicola Piovani. La struttura di questi incontri è stata quella del tradizionale “laboratorio artigiano” in cui un maestro di consumata perizia ha messo a disposizione degli allievi la sua scienza e la sua esperienza, spaziando dalle questioni più concrete delle tecniche e dei procedimenti compositivi a quelle inerenti le ragioni e le modalità estetiche del ‘comporre oggi’. I workshop, aperti al pubblico, si sono svolti dal 7 al 9 luglio, dal 27 al 29 luglio e il 28 settembre presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” dell’Aquila.
La residenza ha visto inoltre compositori e direttori coinvolti in una serie di laboratori empirici. Le prove di studio, analisi e concertazione affidate ai direttori, prima con il coro di voci bianche e la pianista accompagnatrice Laura Sebastiani, e in un secondo momento con l’ensemble strumentale, si sono svolte sull’esperienza e la pratica immediata, con la possibilità di plasmare “in diretta” il materiale musicale prodotto. Sotto la guida del tutor, i compositori hanno avuto l’opportunità di montare, sperimentare, migliorare e risolvere problemi esecutivi e di musicalità. I laboratori sono stati dei veri e propri banchi di prova indispensabili all’acquisizione di competenze che hanno permesso agli artisti residenti di verificare la realizzabilità delle proprie idee musicali e di apprendere per esperienza diretta da un lato come risolvere problemi compositivi ed esecutivi, dall’altro quali sono i meccanismi della professione del musicista, ovvero la capacità di comporre su commissione, rispettando le consegne di organico, durata e tempistiche.
A partire dagli stimoli lanciati dai Maestri, i compositori hanno scritto tre brani musicali che sono stati concertati ed eseguiti in prima assoluta sotto la guida dei due direttori d’orchestra durante il concerto che si è tenuto il 23 novembre scorso presso l’Auditorium del Parco dell’Aquila.
Il programma prevedeva dunque Apollo et Daphne, Cantata per voce recitante, soprano, coro di voci bianche e dieci strumenti su testo di Publio Ovidio Nasone, di Carlo Ferdinando de Nardis, Chants per coro di voci bianche e dieci strumenti, di Paolo Fradiani, e Il porto proibito, per voce recitante, soprano, coro di voci bianche e dieci strumenti di Francesco Sbraccia.
Lo spettacolo è stato interamente affidato ad esecutori under 35: Gabriele Centorbi e Giordano Ferranti hanno diretto il soprano Michela Varvaro, la voce recitante Giancarlo Curio, il Coro di Voci Bianche della Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” e un ensemble composta da dieci strumentisti (Tommaso Gaeta, Simona Mancinelli, Luca Giuliani, Loreta Rocchi, Flavio Di Fausto, Daniele Sabatini, Maddalena Fogacci Celi, Luca Giuliani, Gabriele Boccio, Giovanni D’Eramo).
Il 13 dicembre si è tenuta presso gli uffici della Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” una tavola rotonda, alla quale hanno preso parte gli artisti residenti, alcuni dei musicisti, il Tutor del progetto e il Direttore Artistico della Società, che ha rappresentato la fase di conclusione dei lavori del Progetto “Sperimentazione Cultura Giovani 2017”, momento di riflessione per valutare, analizzare e discutere il lavoro formativo e creativo svolto.

CALENDARIO EVENTI 2017

5 giugno Conferenza di presentazione Esiti Bando 2017

7-9 luglio Workshop Ivan Fedele

27-29 luglio Workshop Fabio Vacchi

28 settembre Workshop Nicola Piovani

23 novembre Concerto finale – Libretto di sala con interviste e dettagli

13 dicembre Tavola rotonda conclusiva

GALLERIA FOTOGRAFICA 2017

 

Ente Musicale Società Aquilana dei Concerti "BONAVENTURA BARATTELLI"

Indirizzo:
Sede Legale:
Castello Cinquecentesco – 67100 L’Aquila
Sede Operativa:
Via Strinella, 35 – 67100 L’Aquila
Tel.: +39 0862 24262
E-mail: barattelliconcerti@barattelli.it
Fax: +39 0862 61666

Patrocini

Sponsor